Pestito a protestati

Richiedere un prestito personale può essere un'impresa difficile se non impossibile per i protestati o comunque le persone considerate "cattivi pagatori". Spesso la penalizzazione nell'accesso al credito al consumo si estende anche ai familiari, con conseguenti gravi problemi qualora si decidesse di richiedere un finanziamento.

Normalmente le banche e le finanziarie, prima di accettare la richiesta di un prestito, consultano le banche dati dove è riportata la storia di ogni persona che abbia mai utilizzato questi strumenti. A volte però nelle banche dati figura una situazione non corretta, o magari si finisce in queste banche dati semplicemente per aver pagato in ritardo la rata di un mutuo casa o di un prestito. Spesso basta questo per essere considerato un cattivo pagatore, e vedersi negate così ulteriori richieste di prestiti.

Per accedere comunque al credito al consumo anche in queste situazioni, esistono strumenti finanziari come la cessione del quinto, di cui vi parliamo più diffusamente in queste pagine.